Diavoletti a quattro ruote (e quattro zampe)

formula1

Poi capita un giorno che fai per rientrare in macchina e il diavoletto che hai lasciato dietro sul seggiolino te lo ritrovi davanti (complice la mamma), in piedi sul sedile, che fa pernacchie mentre tiene il volante con due mani e ogni tanto cerca di cambiare marcia. Perché non c’è niente che entusiasmi di più un giovanissimo maschio italiano come un pallone da calciare e un volante da stringere fra le dita.

Per questo i sant’uomini e le sante donne che per il battesimo ci hanno regalato una macchinina cavalcabile della Chicco (giuro, si chiamano così!) ci hanno visto non lungo, ma lunghissimo. Perché in breve tempo, giusto quello necessario a non capottarsi giù dal sedile per controllo insufficiente del collo e della schiena, questo giocattolone è diventato un punto di riferimento nell’universo poppante della casa.

Eh, sì. Perché oltre a poter essere seduto sopra (con tanto di blocchi antiscivolamento alle ruote) nei primi tempi, giusto per prendere confidenza col mezzo, l’automobilina consente di essere utilizzata (togliendo i blocchi) tanto come mezzo di locomozione autonomo (spingendosi coi piedini), quanto come supporto per le prime camminate (in pratica il nanetto ci si regge mentre cammina facendola scivolare sulle ruotine). Completa il tutto un maniglione allungabile che consente al genitore apprensivo di tenere sotto controllo la situazione, indirizzando bolide e pilota a suo piacimento.

Ah, dimenticavo… Non manca nemmeno il cruscotto, ricco di bottoni che riproducono i rumori tipici di un’auto, tic tac delle frecce compreso. Insomma, una gioia per il pupetto e per i suoi genitori. Il modello che abbiamo noi è il Formula 1 della Chicco, ma on line se ne possono trovare tantissimi basati sugli stessi principi di funzionamento, vi lascio di seguito – come sempre – un po’ di esempi della Chicco e di altre marche (come Clementoni).


Autore: Maurizio

43 anni ben portati. Giornalista, raccontastorie, runner, tifoso viola e - soprattutto - trisbabbo di una banda di 11, 8 e 2 anni.

Condividi su

Inserisci un commento

Or

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.