Lego Harry Potter Hogwarts

Ok, lo ammetto, sono un fan sfegatato dei Lego. D’altronde mi chiedo come si possa non esserlo. Questi meravigliosi mattoncini colorati hanno formato generazioni di bambini (e da 3 anni anche di bambine, come ho già avuto modo di scrivere qui).
Ma i geni danesi hanno aperto un nuovo filone di divertimento quando hanno inaugurato la serie Lego Games, giochi da tavolo ispirati a cartoni e film come Ninjiago, Lord Of The Rings (e Lo Hobbit) e Chima, per non parlare di Star Wars.

Qui però vorrei tessere le lodi di una serie dedicata al maghetto più famoso della letteratura fantasy per l’infanzia, Harry Potter.
Il primo libro è arrivato nella libreria di famiglia ormai 10 anni fa, e se pensate che il mio figlio grande ha proprio 10 anni capite anche chi l’ha letto per primo…

Non sono certo io a dover celebrare il mondo di Hogwarts, spiegare come trovare il Binario 9 ¾, dirvi cosa sono i babbani e chi è Albus Dumbledore/Silente (sebbene il mio personaggio preferito sia Sirius Black), ma vorrei segnalarvi un meraviglioso gioco da tavolo che farà divertire tutta la famiglia per ore.

Lego Harry Potter Hogwarts

Si tratta di Harry Potter Hogwarts, un gioco che combina le costruzioni alle dinamiche del gioco di società, il tutto con ambientazione magica. L’abbiamo comprato due anni fa per Natale e da allora è il gioco da tavolo preferito da tutta la famiglia (quindi dai 6 ai 42 anni…).

Dopo aver costruito il Castello di Hogwarts, in una versione ovviamente semplificata, inizia la competizione, che consiste nel far raccogliere alla propria pedina (Harry, Ron, Hermione o Draco) tutti gli ingredienti necessari e tornare nella propria Casa (Grifondoro, Tassorosso, Corvonero e Serpeverde) dopo aver attraversato il castello utilizzando il dado Lego, secondo me l’oggetto più bello del gioco.

Le regole (non ben tradotte in italiano, ad esser sinceri) consentono l’utilizzo di varianti di diversa complessità in base all’età dei giocatori, e non mancano le sfide dirette tra coppie di maghetti a colpi di magia, i trabocchetti e la strategia per ostacolare il passaggio agli avversari.

Ogni partita può durare dai 15 ai 45 minuti a seconda della variante, ma, finita la prima, difficilmente riuscirete ad evitare di iniziarne un’altra.

Qui sotto il link per l’acquisto e qualche altro gadget sul tema del maghetto con gli occhiali.

Buon divertimento!


Autore: Gian Luca

Critico cinematografico mancato, ha trovato la sua strada nell'informatica, senza per questo trascurare la propria passione per i bambini. E non è un caso se ora si trova a fare i conti con tre mostriciattoli. Esiste migliore osservatorio sul mondo dei regali per bimbi?

Condividi su

Inserisci un commento

Or

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.