Subbuteo. Il calcio da tavolo… è per sempre!

sub

Anni ’80: l’era del Subbuteo. Piano di compensato grande come un armadio, squadre di serie A, piccola tribuna in plastica cone due piccoli tifosi incollati, recinzione a bordo campo per non far uscire la palla. E interminabili partite, tornei, campionati con gli amici del quartiere.

Il segreto del Subbuteo era tutto qua.

Bene, da un paio d’anni questo gioco sembra tornato di moda (grazie a Giochi Preziosi), con qualche modifica. Per esempio (pare poco ma è fondamentale) gli omini sono più flessibili e anche se li calpesti non si spaccano le caviglie, separandoli dalla base. In pratica, stop ai giocatori più bassi di un paio di millimetri e con colate di attak sulle gambe (dei mostriciattoli, a ben vedere).

Ho regalato la confezione base a mio figlio di 10 anni due Natali fa e devo dire che riscuote ancora un bel successo, anche se i vari FIFA e PES sono sempre in agguato a pretendere attenzione dalla PS3. Ah, dimenticavo… c’è anche una versione “alternativa”, per così dire: Zuego. Può piacere, ma ha la base piatta e non a semisfera. Come dire… così son bravi tutti. Secondo la vecchia scuola, invece, il controllo di palla del Subbuteo, invece, va conquistato con dolore e fatica. Solo così ci si diverte… tirando fuori anche dei reperti storici dalle cantine, perché no!


Autore: Maurizio

43 anni ben portati. Giornalista, raccontastorie, runner, tifoso viola e - soprattutto - trisbabbo di una banda di 11, 8 e 2 anni.

Condividi su

Trackback/Pingback

  1. Campo da calcio Playmobil, lo sport per tutti! | Regali per bimbi - […] qui hai due possibilità. O tiri fuori il Subbuteo (ne abbiamo parlato qui…), oppure monti il campo di calcio…

Inserisci un commento

Or

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.